Alla scoperta del Registan di Samarcanda, la piazza più famosa dell’Uzbekistan

L’antica e leggendaria Samarcanda, patrimonio UNESCO dal 2001, è una delle città che ci ha colpito maggiormente grazie alla sua straordinaria architettura islamica che comprende moschee dai minareti scintillanti, madrase finemente decorate e mausolei dove riposano importanti personaggi storici. Tra le tante attrazioni, il luogo più iconico della città e’ senza dubbio il Registan, piazza centrale e cuore di Samarcanda. Il Registan era un importante luogo lungo la via della seta e veniva usata come piazza pubblica per proclami reali, celebrazioni ed esecuzioni pubbliche e la sua costruzione risale al 1417 per volontà di Ulugh Bek, nipote di Tamerlano nonchè famoso astronomo, matematico e filosofo. La piazza, di forma rettangolare e molto allungata, è incorniciata da tre splendide madrase, antiche scuole coraniche dove veniva insegnata la religione islamica.

samarcanda

Madrasa di Ulugh Bek

Sulla sinistra troviamo la Madrasa di Ulugh Bek, la prima che fu eretta a Samarcanda, risalente al XV secolo. Costruita sotto il mandato di Ulugh Bek, e dove lo stesso scienziato insegnava, questo imponente edificio presenta un pistaqh (portone centrale) di ben 16 metri e due alti minareti ai lati. La facciata e l’interno della struttura sono finemente decorati con meravigliosi rivestimenti in ceramica smaltata. Pagando una piccola quota si può salire al secondo piano della madrasa da dove si gode di un bellissimo panorama sulla piazza e su Samarcanda. Volendo è possibile accedere anche al minareto ma le scale sono veramente strette, perciò non ve lo consigliamo.

samarcanda

Madrasa Tilya Kori

La Madrasa di Tilya-Kori è quella centrale e risale al XVII secolo. L’edificio presenta una facciata principale a 2 piani, un cortile circondato da dormitori e una moschea nella sezione occidentale del cortile. La madrasa era utilizzata come residenza per gli studenti, ma gli antichi dormitori sono stati trasformati in piccoli negozi di souvenir. Tilya Kori significa “madrasa ricoperta d’oro”, e deve il suo nome alle splendide decorazioni dorate interne. All’interno della madrasa si trova anche un’interessante mostra fotografica in bianco e nero che ritrae le strutture fatiscenti di Samarcanda cadute in rovina dopo secoli di abbandono e numerosi terremoti che hanno danneggiato la città.

samarcanda

Madrasa Sher Dor

La Sher-Dor Madrasah è la terza madrasa della piazza e fu costruita nel XV secolo con lo scopo di imitare la bellezza della madrasa di Ulugh Bek. Sher significa leone e il nome della madrasa deriva dalle immagini che sovrastano il portone d’ingresso: due grandi leoni che portano un sole dal volto umanizzato sulla schiena. La particolarità delle immagini è che violano un precetto islamico che vieta di dipingere immagini di esseri viventi su edifici religiosi. La struttura presenta bellissime cupole turchesi,, interni completamente ricoperti da fantastiche decorazioni policrome, ed è fiancheggiata da due alti minareti.

samarcanda

Orario di apertura del Registan: aperto tutti i giorni da aprile a ottobre dalle 8.00 alle 19.00 e da novembre a marzo dalle 9.00 alle 17.00. Se avete tempo, vale veramente la pena tornare di sera in piazza Registan per vedere le madrase illuminate (fino alle 22). Ingresso 40.000 USZ.

samarcanda

samarcanda

Write A Comment