Guida alla visita di Khiva

Il nostro viaggio lungo la via della seta è cominciato dall’antica Khiva, affascinante città con una storia di oltre 2500 anni, ricca di scintillanti madrasse pistrellate e minareti colorati che svettano dalle spesse mura merlate della città. Khiva è uno straordinario museo a cielo aperto con oltre 50 siti storici nel suo piccolo centro, conosciuto come Ichan Kala e dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1990.

khiva

Come raggiungere Khiva

Khiva si trova nell’ovest del Paese e solitamente è la prima o l’ultima tappa del tour dell’Uzbekistan. Il modo migliore per raggiungerla è con un volo interno da Tashkent, in caso sia la città di partenza del vostro viaggio, oppure con un treno da Bukkhara in caso sia l’ultima tappa. L’aeroporto più vicino si trova a Urgench, a circa 30 minuti di taxi dalla città. La tratta in treno da Tashkent è decisamente lunga e dura circa 14 ore. Controllate gli orari sul sito ufficiale delle ferrovie uzbeke perché i treni per Khiva da Tashkent, Bukkhara e Samarcanda non viaggiano tutti i giorni.

Quando andare

Da marzo a maggio e da settembre a ottobre è il miglior periodo per visitare Khiva e l’Uzbekistan. I mesi estivi sono veramente caldi e afosi, mentre l’inverno è piuttosto rigido. Noi abbiamo visitato l’Uzbekistan nel mese di agosto e faceva veramente molto molto caldo, con temperature medie diurne sopra i 30°C. L’estate è anche il periodo di maggior afflusso turistico.

Dove dormire a Khiva

Khiva è una piccola città, e offre un discreto range di sistemazioni. Il luogo migliore dove soggiornare è all’interno delle mura della città vecchia, o comunque nei suoi dintorni, in modo da poter visitare le sue attrazioni senza dover utilizzare il taxi. Noi abbiamo dormito al B&B Meros, una pittoresca pensione a conduzione familiare, situata vicino alla fortezza Kunha Ark, con piccole stanze confortevoli e una bella terrazza.

Altre ottime sistemazioni sono:



Booking.com

Dove cenare

Prima di tutto, durante il vostro soggiorno a Khiva dovete assolutamente provare due deliziose specialità regionali che troverete soltanto qui: il shivit oshi e il tuhum barak. Shivit oshi è un piatto a base di spaghetti all’aneto conditi con patate, carote, pepe, pomodori e carne fritta. Solitamente, viene anche servito con panna acida; il tuhum barak è un piatto di ravioli con uova e latte all’interno. Da provare anche il Kazan Kebab (agnello con patate e spezie), il plov (piatto di riso, carne, cipolle, carote bollite in un brodo leggero) e la phaklava (un dolce uzbeko). Troverete alcuni buoni ristoranti all’interno delle mura e nelle vicinanze. Noi abbiamo cenato al ristorante Terrassa Cafè.

Come muoversi a Khiva

Se dormirete dentro le mure e nei dintorni non avrete bisogno di prendere alcun mezzo di trasporto. In caso, potete muovervi con un taxi, che sono molto economici. Per raggiungere le città di Bukkhara o Samarcanda, il mezzo più comodo è il treno. La stazione ferroviaria si trova a soli 10 minuti di taxi dal centro.

Moneta locale e metodo di pagamento

La moneta locale è il Som Uzbeko. 1 Euro corrisponde a circa 12.000 Som. In città, troverete alcuni money changer, ma le tariffe migliori vengono concesse con il cambio di dollari americani. Khiva ha pochissimi bancomat che accettano soprattutto Mastercard (spesso non funzionanti), perciò assicuratevi di avere abbastanza denaro. Il metodo di pagamento è prevalentemente in contanti. Un negozio di cambio si trova non appena entrati a Itchan Kala, sulla destra del West Gate. Troverete un Bancomat e un negozio di cambio anche dentro all’Hotel Orient Star.

Ichan Kala – la città vecchia

E’ la parte della città vecchia di Khiva e si trova all’interna di alte e spesse mura merlate. Sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO dall’inizio degli anni ’90, è molto simile a un museo a cielo aperto, con oltre 50 monumenti storici al suo interno tra musei, minareti, moschee e madrasse. Le attrazioni più interessanti di Khiva si trovano proprio all’interno della città vecchia, e sono facilmente visitabili con una bella camminata. Possono essere visitate in una giornata intera, ma la nostra raccomandazione è di rimanere un paio di giorni per godersi la storia di questa affascinante città carovaniera con tutta calma. Ricordatevi di indossare abiti che coprano le ginocchia e le spalle durante la visita moschee e mausolei. Al di fuori dei luoghi sacri, potete invece vestirvi come preferite.

Ticket d’ingresso

Per accedere alla città vecchia dovrete comprare un biglietto d’ingresso. Ce ne sono tre tipi:

VIP: 15 USD (150.000 Som) – include tutte le attrazioni storiche all’interno della città vecchia, tra cui la torre di guardia, il minareto e le mura.

Standard: 10 USD (100.000 Som) – include tutto tranne la torre di guardia, il minareto e le mura della città.

Economy: 5 USD (50.000 Som) – vi consente solo di entrare nella città vecchia ma non dà accesso ad alcun sito storico al suo interno.

Tutti i biglietti sono validi per due giorni e sono venduti al West Gate di Itchan Kala. Ogni volta che entrerete in un museo o in un sito storico, vi verrà chiesto di scansionare il codice QR sul vostro biglietto.

Guida locale

Per comprendere meglio la storia di questa antica città carovaniera, dei suoi meravigliosi monumenti e girovagare per le sue labirintiche stradine, vi consigliamo di richiedere al West Gate una guida locale. Il costo per un tour di 3 ore per due persone è 30 USD.

Le migliori attrazioni di Khiva

1. Minareto Kalta Minor

E’ uno degli edifici principali di Itcha Kala e si trova proprio vicino al West Gate. Fu eretto tra il 1851 e il 1855 durante il governo di Mohammed Amin Khan, che, per mostrare il potere del suo Khanato, volle costruire un minareto alto 80 metri che avrebbe superato il famoso minareto di Kalyan a Bukhara. Purtroppo, Mohammed Amin Khan fu ucciso in battaglia prima che la costruzione fosse completata, lasciando il minareto incompiuto a 29 metri di altezza. Il nome “Kalta Minor”, infatti, significa “breve minareto”. Un’altra leggenda narra che Mohammed avesse intenzione di uccidere l’architetto in modo che non potesse mai costruirne un altro simile. L’architetto fuggi’ per salvarsi la vita e quindi il minareto non venne mai terminato. Leggende a parte, la cosa che colpisce del minareto sono le sue splendide e scintillanti decorazioni turchesi, opera di alcuni dei migliori artigiani di Khiva.

khiva

2. Madrasa di Muhammed Amin Khan

Proprio accanto al minareto Kalta Minor si trova la bella madrassa di Mohammed Amin Madrasah. Un tempo era una delle madrasse più grandi dell’Asia Centrale, ma oggigiorno è stata trasformata in un confortevole ed elegante hotel, l’Orient Star Khiva. Questa hotel è una delle migliori sistemazioni di Khiva perchè si trova proprio all’interno della città vecchia. All’interno del complesso alberghiero, c’è anche un ufficio di cambio valuta, una caffetteria e un’agenzia di viaggi con un ufficio di biglietteria aerea.

khiva

3. Moschea Juma

La Moschea Juma venne costruita alla fine del XVIII secolo ed è unica nel suo genere in quanto non ha portali, ingressi ad arco e cupole, caratteristiche principali delle moschee in Uzbekistan. Le sua caratteristica distintiva sono invece 218 pilastri in legno di mandorlo e olmo che ne sostengono il tetto. Ci sono anche tre aperture nel soffitto della moschea che permettono al sole di riprodurre un incantevole spettacolo di luci tra i pilastri ed alcune piccole aree giardino che danno una sensazione di pace e relax.

khiva

4. Palazzo di Tash Khauli

Tash Khauli significa “il cortile di pietra” e una volta era una delle residenze del sovrano dell’epoca – Allah Kuli Khan. Fu costruito tra il 1832 e il 1841 e vanta oltre 150 stanze e 9 cortili. Il palazzo era prevalentemente utilizzato come harem per le sue quattro regine e concubine reali. Molto interessanti le bellissime decorazioni interne e gli imponenti pilastri in legno intagliato che sorreggono il tetto.

khiva

5. Madrassa Mohammed Rakhim Khan

Questa Madrassa venne costruita nel alla fine del 1800 in onore di Mohammed Rakhim, uno dei rappresentanti più istruiti della dinastia Kungrat che abbia mai governato a Khiva dal 1770. Durante il suo governo, furono attuate numerose riforme per il miglioramento delle città, della politica, dell’economia, e dell’istruzione. La madrassa ospita oggi l’interessante Museo di Storia del Khanato di Khiva.

khiva

6. Minareto Islam Khoja e Madrassa

Con i suoi 57 metri, il minareto Islam Khoja è il più alto di tutto l’Uzbekistan. Venne costruito nel 1910 per ordine di Islam Khoja, il primo visir del Khanato di Khiva. Se vi sentite in forma, potete raggiungere la sua cima per avere una fantastica visuale su Khiva ed i suoi monumenti. La scalata è abbastanza faticosa perché le scale sono ripide e stretta ma ne vale veramente la pena.

Accanto al minareto si trova la Madrassa di Islam Khoja che ospita l’interessante Museo delle Arti Applicate. Il Museo vanta una vasta collezione di artigianato Khorezm tra cui sculture in legno, piastrelle e tappeti uzbeki.

khiva

7. Fortezza dell’Arca di Kuhna

Costruita nel XVII secolo, la Kuhna Ark era la fortezza ed ex residenza dei sovrani di Khiva. Il complesso presenta fini decorazioni in legno e maioliche, due madrasse, una moschea estiva splendidamente decorata con piastrelle bianche e blu, una prigione, una grande sala per i ricevimenti, un harem, le scuderie e la magnifica sala del trono. All’interno del complesso si trova anche il Museo della moneta. La terrazza sul tetto offre una splendida vista della città. Inoltre, è possibile raggiungere la cima della Kuhna Ark Tower, la torre di guardia, da dove si gode di un magnifico panorama su Khiva.

khiva

8. Mausoleo di Pahlavon Mahmud

Il Mausoleo è una delle attrazioni più belle di Khiva e ospita ospita la tomba di Pahlavon Mahmud, uno dei più grandi eroi di Khiva e santo patrono della città. Quando Pakhlavan Mahmud morì nel 1320, fu sepolto nel cortile della sua bottega secondo la sua volontà. Molti anni dopo, nel XVII secolo, su questo sito fu costruito un piccolo modesto mausoleo. Ben presto i pellegrini iniziarono a venire qui e nel corso dei secoli successivi al mausoleo furono aggiunti numerosi edifici. La cupola del Mausoleo è la più grande di Khiva e presenta meravigliose piastrelle smaltate blu e una parte superiore dorata. Il complesso ospita anche le tombe dei sovrani di del Khanato di Khiva e delle loro famiglie.

khiva

9. Palazzo Isfandiyar

Il Palazzo Isfandiyar , conosciuto anche come Palazzo di Nurullabay, si trova al di fuori delle mura della città vecchia, a soli dieci minuti dal West Gate. Fu costruito all’inizio del 1900 da Isfandiyar Khan, cinquantatreesimo Khan del Khanato di Khiva. Il Palazzo ospita molte stanze stravaganti vuote costruite in una miscela di stili orientali e occidentali. Molto interessanti le bellissime decorazioni, i soffitti ricamati in oro che presentano motivi dipinti in modo complesso ispirati a fiori e fogliame, ed i sontuosi lampadari e specchi giganti.

Write A Comment