Whales watching, Sudafrica

Il Sudafrica non è fantastico solo dal punto di vista dei parchi nazionali (dove si possono individuare i “big five”), o per le sue riserve naturali dove è possibile camminare in mezzo ad una natura rigogliosa o lungo la costa selvaggia, ma è unico poiché ospita anche i più grandi mammiferi del mondo: le balene. Ogni anno, da Giugno a Dicembre, Gansbaai e soprattutto Hermanus, sono conosciute come le capitali per l’osservazione delle balene australi del sud, visto i numerosi esemplari presenti nell’area di Walker Bay.

Balena australe, Walker Bay

Si distinguono facilmente dagli altri esemplari per le callosità (escrescenze bianche) sulle loro teste, un dorso largo senza pinna dorsale e una lunga bocca arcuata che inizia sopra l’occhio. Le balene australi, migrano verso la baia e trascorrono qui il loro tempo per accoppiarsi, partorire e allevare i loro piccoli finché non sono pronti per il viaggio di ritorno. Da giugno a settembre è inoltre possibile avvistare le Megattere che viaggiano verso le usuali aree di riproduzione dell’oceano indiano. Queste balene, che prendono il nome dalle grandi pinne pettorali, crescono dai 12 a 16 metri di lunghezza e pesano in media circa 40 tonnellate. Le loro pinne possono raggiungere una lunghezza pari a circa un terzo di quella del corpo e sono le più lunghe di tutti i cetacei. Le balenottere di Bryde vivono invece in questo mare tutto l’anno, ma al contrario delle altre balene non emergono e soffiano regolarmente, sono anche esemplari timidi e soprattutto nuotatori molto veloci, percio’ non è cosi’ semplice avvistarle.

Balena australe, Walker Bay

Il mio ”whale watching” tour

L’escursione in barca inizia dal Gansbaai New Harbour con la compagnia Ivanhoe Sea Safaris. Sono molto eccitato perché non ho mai avuto l’opportunità di incontrare questi giganti del mare e vederli nuotare nell’oceano. Oggi finalmente, posso godermi il panorama della Walker Bay ed osservare le balene. Una volta pronti, l’equipaggio ci da informazioni sulla Riserva Marina, ci spiega le procedure di sicurezza e il comportamento da tenere nel caso in cui le balene arrivino molto vicino all’imbarcazione. La prima cosa che penso è: “Davvero? Vicino alla barca? Fantastico, questo significa che possiamo vederle da  molto molto vicino!”. ” Ma..davvero possono avvicinarsi alla barca??” chiedo alla ragazza dell’equipaggio che mi risponde  “Si se siamo fortunati le vedremo da molto vicino!”. ” beh… e allora voglio essere molto fortunato e vederle balzare fuori dall’acqua!”, con un sorriso ironico mi risponde ” si certo…come no…anche io!”. L’oceano è piuttosto calmo oggi, il sole splende alto nel cielo e in 15 minuti raggiungiamo il primo gruppo di balene australi anche se sono un pò’ elusive mantenendo la distanza dal motoscafo. Riusciamo a scorgere i loro possenti corpi prima di vederle scomparire nel blu profondo del mare ma l’equipaggio è subito pronto a rincuorarci: “Non preoccupatevi! Ci stiamo muovendo verso un altro punto in cui sappiamo che c’è un altro gruppo e sicuramente andrà meglio!”.

Gruppo di megattere, Walker Bay

Finalmente le balene sono vicine, è davvero impressionante vedere un gigante del mare così amichevole e giocoso. Stanno giocando tra di loro, ruotando più e più volte l’uno sotto l’altro, con la coda o le pinne appoggiate sulla schiena. Mentre ci stiamo godendo questo spettacolo della natura, una voce rompe il silenzio: “Ragazzi purtroppo il nostro viaggio è finito! È il momento di ritornare! Prendete posto a poppa!”. Il tempo è volato, mi piacerebbe poter stare qui tutto il giorno per ammirare questi colossi di 14 metri pesanti 50 tonnellate che ”danzano” nell’acqua leggere come delle farfalle. Avvistiamo un altro gruppo di balene australi che si avvicina alla nostra imbarcazione e non sappiamo ancora che, da lì a poco, la nostra giornata si trasformerà in qualcosa d’incredibile vivendo un momento che terremo in mente per sempre. Sulla via del ritorno, il capitano individua un gruppo di 3 balene che giocano nell’acqua, ma non sono balene australi ma bensì megattere!!! Mentre la nostra barca raggiunge il gruppo, le grandi balene stanno ruotando le lunghe pinne laterali  fuori dall’acqua, provocando un forte rumore mentre le sbattono con forza sulla superficie dell’oceano.

Humpback whale, Walker Bay

All’improvviso una di loro si immerge in profondità e dopo qualche secondo improvvisamente salta fuori dall’oceano provocando un grande boato ed un notevole spostamento d’acqua non appena la sua enorme schiena impatta con la superficie del mare. Siamo tutti sbalorditi, è uno spettacolo unico, qualcosa che per la sua bellezza lascia a bocca aperta. Il mio desiderio si è avverato! Ora la nostra avventura è giunta davvero al termine, ci lasciamo le balene alle spalle e purtroppo rientriamo in porto. Amo il Sud Africa ed i suoi fantastici paesaggi percio’ senza dubbio tornero’ a Gansbaii per rincontrare i suoi giganti del mare e rivivere questa incredibile emozione!

Megattera, Walker Bay

 Informazioni

Osservare le balene a Gansbaai e Hermanus: L’opzione migliore è pernottare a Gansbaai o Hermanus, ma potete anche organizzare il vostro viaggio in giornata da Città del Capo. Contattare online un tour operator locale (ce ne sono davvero molti) e vi verranno a prendere (dovrete pagare un extra). Potete prenotare una volta sul posto o anche chiedere al titolare della vostra sistemazione dove o direttamente all’ufficio della compagnia.  Tenete presente  che in alta stagione ( luglio – agosto-settembre) è sempre affollato e rischiate di non trovare posto. Hermanus dista circa 2 ore di auto da Città del Capo, Gansbaai 3 ore.

Ho organizzato il tour contattando via email Ivanhoe Sea safaris (http://www.whalewatchingsa.co.za/ ) a Gansbaai (il loro ufficio è al nuovo porto di Gasbaai) mentre a Hermanus con la compagnia Whale Watchers (http://www.hermanuswhalewatchers.co.za/).

Il prezzo medio per un viaggio in barca di 2 ore è di circa 800 rand. A Gansbaai è possibile anche sperimentare la ”shark cage”, l’immersione nella gabbia per vedere gli squali. Dura circa 3 ore ed il prezzo medio è di 1800 rand (https://www.sharkcagediving.co.za/ ).

Dove dormire: Hermanus offre un ampia gamma di sistemazioni per diversi budget. Io ho dormito presso il Zoete Inval Traveller’s Lodge  (https://www.zoeteinval.co.za/). Lungo la Marine drive (vicino al vecchio porto) troverete anche molti ottimi ristoranti.

SBalena australe, Walker Bay
Megattera, Walker Bay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *