Abete mai sentito parlare della città santa di Moulay Idriss Zerhoun?

A soli 5 minuti di auto dal sito archeologico patrimonio Unesco di Volubilis, si trova la città di Moulay Idriss Zerhoun. Arroccata su una collina, con le sue pittoresche case bianche, è la più importante città santa del Marocco e la seconda dopo la Mecca, dove migliaia di fedeli marocchini vengono in pellegrinaggio (Moussem) ogni agosto per pregare sulla tomba di Moulay Idriss (745 -791), il primo Re Arabo del Marocco e discendente del profeta Maometto.

Moulay Idriss, main square
Moulay Idriss, la piazza principale

Si dice che i musulmani marocchini che non sia in grado di fare il loro pellegrinaggio (hajj) alla Mecca, possano sostituirlo con la visita di Moulay Idriss almeno per cinque volte durante la loro vita. La città conserva ancora tutto il suo fascino antico, percio’ vale assolutamente la pena fare una breve visita e perdersi nei bellissimi vicoli fiancheggiati da abitazioni dipinte di bianco e verde acqua dal fascino senza tempo. Una delle cose migliori è che troverete veramente pochissimi turisti perchè Moulay Idriss è spesso non inclusa nei tour del Marocco.

Moulay Idriss, the charming narrow alleys
Moulay Idriss, le affascinati case intonacate di bianco e verde

Arrivati a Moulay Idriss intorno alle 13.30, ci fermiamo prima in uno dei tanti ristorantini locali vicino alla piazza principale per provare i gustosi spiedini. Spiedini di carne mista di pollo, vitello o piccanti cotti al momento alla brace e accompagnati da cipolle e pomodori rendono la nostra visita senza dubbio più allettante.

Moulay Idriss, local restaurant
Moulay Idriss, un piccolo ristorante locale

Siamo amanti del cibo locale ed in ogni viaggio non perdiamo mai l’occasione di assaggiare i piatti tradizionali. A stomaco pieno, soddisfatti del gustoso pranzo, raggiungiamo l’ampia piazza principale dove subito un ragazzo del posto ci avvicina offrendosi di fare da guida attraverso il tortuoso dedalo di vicoli e viuzze che si inerpicano sulla collina.

Qui nella piazza di Moulay Idriss, ci sono sempre ragazzi del posto pronti a fare strada nei vicoli della città ai pochi turisti in visita, ovviamente in cambio di una mancia. Mohamed, la nostra “guida” locale, è un giovane ragazzo del posto, sempre di “vedetta” nella piazza principale pronto a cogliere ogni occasione per accompagnare gli stranieri che si fermano a visitare la città santa. Nonostante ci racconti che non possa continuare i suoi studi per stare vicino alla famiglia, sorprendentemente parla abbastanza bene 4 lingue, per lo più apprese parlando con turisti.

Moulay Idriss, a narrow alley
Moulay Idriss, un vicolo della città

La nostra visita è emozionante, camminando in salita per le viuzze incontriamo gente del posto incuriosita della nostra presenza e sempre pronta a regalarci un sorriso e a fare una chiacchierata chiedendoci da dove veniamo e soprattutto cosa ne pensiamo del Marocco.

La risposta è scontata, amiamo il Marocco! Le persone a Moulay Idriss sono adorabili e siamo sorpresi quando alcuni di loro, incontrati lungo la strada, ci offrono delle pagnotte appena sfornate da un forno pubblico.

Mohamed ci racconta che è molto comune incontrare persone che portano vassoi con il pane perché è consuetudine fare l’impasto in casa e portarlo a cuocere nei piccoli forni pubblici sparsi nei quartieri della città solo pagando una piccola tassa.

Moulay Idriss,the cylindrical minaret of the Sentissi Mosque
Moulay Idriss, il bellissimo minareto cilindrico della Moschea Sentissi

Durante la nostra camminata, il primo luogo che attira la nostra attenzione è la Moschea Sentissi. È una piccola moschea di quartiere, ma molto interessante per il suo particolare minareto cilindrico. E’ l’unico minareto rotondo del paese ed è ricoperto di piastrelle verdi dove sono trascritti versi coranici in contrasto con le piastrelle stesse.

Proseguendo la nostra passeggiata per i vicoli, dopo aver visitato brevemente un forno pubblico e osservato il fornaio all’opera, raggiungiamo la cosiddetta “Grand Terrasse“. Siamo ora nel punto più alto di Moulay Idriss da dove si gode una vista mozzafiato sulle sue antiche case bianche arroccate sulla collina antistante e sull’immenso Mausoleo di Moulay Idriss I che spicca con l’alto minareto ed i suoi tetti verdi.

Moulay Idriss Zerhoun
Moulay Idriss, veduta dalla “Grand Terrasse”

Il Mausoleo fu costruito da Moulay Ismail, sultano del Marocco dal 1672 al 1727, che trasferì qui il corpo di Moulay Idriss durante la fine del XVII° secolo per creare un luogo di pellegrinaggio per i fedeli. Questo luogo sacro non è visitabile da persone non musulmane. Dopo aver scattato alcune foto, seguiamo Mohamed in discesa fino a raggiungere un altro bel punto panoramico chiamato “Petite Terrasse” e passo dopo passo, arriviamo all’ingresso del sito religioso.

Moulay Idriss, view from la Petite Terrasse
Moulay Idriss, la vista dalla “Petite Terrasse”

Ci fermiamo qualche minuto qui davanti alla barriera interna del Mausoleo da dove possiamo ammirare il lungo corridoio d’ingresso e il minareto, poi, passando per il portale a tre arcate circondato da negozietti e bancarelle che vendono oggettistica religiosa, siamo di nuovo nella principale piazza.

Moulay Idriss, entrance of the Mausoleum
Moulay Idriss, l’entrata del Mausoleo

Soddisfatti per l’entusiasmante visita della città, ringraziamo Mohammed per averci fatto da guida, e ci avviamo verso la nostra macchina passando per il mercato rionale (nei vicoli di fronte la piazza, sulla sinistra) di Moulay Idriss con le sue tante bancarelle colorate che vendono frutta fresca, verdura e le immancabili olive, prodotto tipico locale coltivato sul colline che circondano la città.

Informazioni utili su Moulay Idriss

Abbiamo visitato Moulay Idriss ed il sito di Volubilis durante il nostro viaggio da Meknes a Chefchaouen, ma potete facilmente visitarli in una gita di un giorno da Meknes o Fes. Ad ogni modo, è più accessibile da Meknes poiché entrambi i luoghi distano solo 30 km.

1. Come raggiungere Moulay Idriss

Potete arrivare alla città santa organizzando il viaggio con l’aiuto del vostro alloggio a Meknes oppure  contrattare direttamente il prezzo con un tassista nella piazza principale di Meknes sia per Moulay Idriss che per Volubilis (circa 250 MAD); l’opzione a basso costo (ma anche la più scomoda e lenta), è prendere un Grand taxi (condiviso) per Moulay Idriss (10 MAD) alla stazione dei Grand Taxi accanto all’Istituto Francese. Vicino alla stazione dei Grand Taxi, troverete anche l’autobus pubblico per Moulay Idriss (7 MAD).

In alternativa, una soluzione semplice e veloce è prenotare un tour guidato tramite le piattaforme web come GetYourGuide o Viator che combinano la visita di Moulay Idriss con altre attrazioni come Volubilis, Meknes e Fes.

2. Tempo necessario per la visita 

In linea di massima, ci vogliono circa 45 minuti per completare la passeggiata. Se preferite essere accompagnati da un ragazzo del posto, andante nella piazza principale e aspettate che qualcuno vi si avvicini. Abbiamo lasciato alla nostra guida 50 MAD come mancia, contrattata ovviamente prima di seguirlo. Se volete fare la passeggiata per conto vostro, potete partire dal Mausoleo e camminare in salita facendo il nostro itinerario al contrario, oppure prendere il primo vicolo a sinistra appena prima di arrivare alla piazza come abbiamo fatto noi e salite nei vicoli fino ad arrivare alla Grand Terrace. Da qui, proseguite lungo i vicoli in discesa per arrivare alla Petit Terrace, passare davanti al mausoleo e ritornare in piazza.

Write A Comment