Una giornata tra le antiche mura di Mdina

Tra le molte attrazioni dell’isola, una delle nostre preferite è sicuramente l’antica città medievale di Mdina, immersa nelle tranquille campagne maltesi e circondata da possenti mura di difesa. Fu l’antica capitale di Malta ed il centro più importante dell’isola durante il Medioevo fino all’arrivo dei Cavalieri di San Giovanni che spostarono il centro del potere prima a Birgu e poi a La Valletta. Il primo insediamento in questa zona risale all’età del bronzo (intorno all’anno 1000 aC) quando i Fenici si insediarono in tutta l’isola. La città fu fortificata durante la dominazione araba e soprattutto durante il regno dei Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni. Mdina fu colpita e gravemente danneggiata da un terremoto nel 1693, e subito ricostruita e ristrutturata ad immagine dei Cavalieri di San Giovanni che all’epoca governavano l’isola. Mdina è conosciuta come “la città nobile” perché ha ospitato le famiglie più nobili e dignitose di Malta, alcune delle quali discendenti dei Signori Normanni, Siciliani e Spagnoli che vissero all’interno delle sue mura dal XII° secolo in poi. È anche conosciuta come la “città del silenzio” perché le attività commerciali hanno rigorose restrizioni sul rumore e la maggior parte delle sue stradine sono pedonali.

Malta, the fortified city of Mdina

Cosa fare e vedere a Mdina

1. Perdetevi nei suoi vicoli

Non appena varcherete la porta principale di Mdina, un gioiello architettonico costruito sotto il patrocinio del Gran Maestro de Vilhena nel 1724, tornerete con la mente indietro nel tempo. Con le sue mura fortificate, le strette strade acciottolate, edifici in stile barocco e medievale, grandi palazzi nobiliari e le chiese meravigliosamente decorate e conservate, l’elegante e tranquilla Mdina vi lascerà immediatamente senza parole. Un altro modo interessante per visitare la città è a bordo degli eleganti karrozzin, piccoli calessi trainati da un cavallo.

Suggerimento

Nonostante Mdina sia una piccola città, vale la pena esplorare con calma il suo affascinante dedalo di stradine per godere appieno la sua atmosfera e ammirare i panorami più suggestivi dalle sue mura.

Mdina, a narrow alley
Mdina, un vicolo della città fortificata

2. Cattedrale di San Paolo

Costruita verso la fine del XVII° secolo, questa antica chiesa è dedicata a San Paolo, il santo naufragato sull’isola di Malta nel 60 Dc durante il suo viaggio verso Roma. Fu edificata sui resti di una cattedrale Normanna di epoca medievale che ando’ distrutta a causa di un terremoto nel 1693. All’architetto maltese Lorenzo Gafà fu affidato il progetto di ricostruire la chiesa che fu completata e consacrata nel 1703.

Orario di apertura: dal lunedì al sabato 9.30-17; Domenica 15-17

Ingresso: 10 euro (compreso l’interessante Museo della Cattedrale situato di fronte alla chiesa)

Orario della santa messa: 9.00, 11.00 (solo domenica), 18.00.

Articolo correlato:

La visita della Cattedrale di San Paolo.

Mdina, St Paul Cathedral
Mdina, la facciata della Cattedrale di San Paolo

3. Palazzo Vilhena e il Museo Nazionale di Storia Naturale

Il Palazzo Magistrale di Mdina, più comunemente noto come Palazzo Vilhena perché commissionato dal Gran Maestro Antonio Manoel de Vilhena (1722-1736), servì come sede del governo locale, del tribunale di Mdina e successivamente fu trasformato in un ospedale temporaneo durante l’epidemia di colera nel 1837. Oggi, questo antico palazzo ospita il Museo Nazionale di Storia Naturale che custodisce diverse importanti collezioni legate alla fauna, flora e minerali del Paese. A noi è piaciuta particolarmente la sala dove è esposta una collezione di fossili.

Mdina, Palazzo Vilhena
Mdina, la facciata del Palazzo Vilhena
4. Cappella di Sant’Agata

La Cappella di Sant’Agata risale al 1410, ed è un piccolo edificio religioso di notevole interesse storico. La cappella fu danneggiata durante il grande terremoto del 1693 ma venne riedificata nel 1694 su progetto di Lorenzo Gafà, l’architetto responsabile della costruzione della cattedrale di San Paolo. Il vescovo David Palmieri la consacrò alla presenza del Gran Maestro Adrien de Wignacourt il 26 giugno 1696.

Mdina, St Agatha's Chapel
Mdina, la piccola cappella di Sant’Agata

5. Palazzo Falson

Si tratta di un antico palazzo nobiliare maltese risalente al 1495 e costruito dall’ammiraglio Falson, aperto al pubblico dal 2007 dopo un lungo restauro. Il palazzo vanta numerose collezioni appartenenti all’ultimo proprietario, il capitano Olof Frederick Gollcher (1889-1962), artista, filantropo, nonché collezionista di oggetti d’arte e oggetti storici. Il palazzo ospita spesso anche una mostra temporanea. Un’audioguida (con la voce che personifica Falson) vi guiderà attraverso le sale del palazzo elegantemente arredate, fornendovi informazioni utili, dettagli e curiosità.

Orari di apertura: dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 17:00, chiusura settimanale il lunedì.

Biglietto d’ingresso: 10 euro.

Mdina, Palazzo Falson
Mdina, Palazzo Falson
6. Palazzo De Piro

Il palazzo de Piro, risalente al XVII° secolo e costruito dall’architetto più famoso di Malta Girolamo Cassar, ospita il Museo degli strumenti, dei mestieri e delle tradizioni. È un museo unico nel suo genere che presenta una collezione privata di oggetti e strumenti relativi a una serie di mestieri. Cinque sezioni principali offrono una finestra sugli strumenti e sulle attività del passato e, tra i tanti,  illustrano la pratica di mestieri come la sartoria, la falegnameria, la produzione alimentare. Il Palazzo De Piro ospita anche un’estensione del Museo della Cattedrale dove sono esposti manufatti storici e artistici provenienti dalle diverse parrocchie Maltesi.

Orario di apertura: dal lunedì al venerdì 9-22; Sabato 12-18; Domenica 12-15

Mdina, Palazzo De Piro
Mdina, la facciata del Palazzo De Piro

7. Piazza del Bastione

Non perdetevi la visita della Piazza del Bastione da dove è possibile scorgere una splendida vista di Malta, da La Valletta a Sliema e Mosta con la cupola della Chiesa Rotunda.

8. Giardino da tè Fontanella

Situato sui bastioni, questo ristorante-caffetteria offre una bellissima vista panoramica dalla sua terrazza e soprattutto deliziose torte fatte in casa (assaggiate la meringa alle fragole ripiena di nocciole).

Mdina, Fontanella Tea garden
Mdina, l’ingresso del Giardino da Tè Fontanella

9. Altre attrazioni

Oltre alle attrazioni principali, se ancora avete tempo, potete visitare i Mdina Dungeons, una serie di passaggi sotterranei segreti, camere e celle dove puoi ripercorrere gli eventi interessanti del lato oscuro della storia maltese; i Racconti della città del silenzio, una serie di quadri animati, eventi significativi della lunga storia di Mdina fino alla Seconda Guerra Mondiale ospitati all’interno del Palazzo Gatto Murina; oppure la Mdina experience, un cinema dove viene proiettato un documentario di circa 30 minuti sulla storia della città.

Mdina, Church of Our Lady
Mdina, la Chiesa di Nostra Signora
Informazioni utili su Mdina

Come raggiungere Mdina: la città fortificata è ben collegata con La Valletta da diverse linee di autobus. Dal terminal di La Valletta è possibile prendere l’autobus n. 51/53/56 / TD13 / TD14; da Sliema l’autobus n. 202; da San Paolo l’autobus n. 186. Scaricate la smartApp Moovit per trovare sempre il percorso migliore in tempo reale. In alternativa, potrete prendere il malta sightseeing bus che ha proprio la fermata di fronte alla Porta di Mdina, oppure organizzare un tour guidato tramite le piattaforme online Viator.com e Getyourguide.com dove gli operatori locali pubblicizzano le loro attività e tour di Malta.

Dove dormire: solitamente la maggior parte dei turisti decide di alloggiare a La Valletta o nei dintorni, ma in caso, anche Mdina e soprattutto la contigua Rabat, offrono una discreta scelta di sistemazioni. 

Consigli: prima di giungere a Mdina, potete, anzi dovete assolutamente fermarvi a Mosta per visitare la Chiesa Rotunda. Il nostro itinerario giornaliero ha compreso la visita di Mosta, poi Mdina ed infine la vicina Rabat con le interessanti catacombe e la grotta di San Paolo.

Articoli Correlati:

Dove dormire a Malta;

Come muoversi a Malta.

Write A Comment