penang

George Town non è solo famosa per il suo bellissimo centro storico, ma lo è anche per la street art. Nel 2008, il centro storico coloniale britannico di George Town è stato inserito nei siti del patrimonio mondiale dall’UNESCO e da quel momento, la street art è emersa con crescente vigore. Nel 2009 il Penang Tourism Board ha organizzato un competizione chiamata “Marking George Town“, progetto che richiedeva modi creativi per utilizzare gli spazi pubblici della città.

Caricatura uin ferro batturo lungo le vie di George town

 Lo studio “Sculpture At Work” con sede a Kuala Lumpur si aggiudico’ la competizione e realizzo’ 52 caricature in ferro battuto con descrizioni di aneddoti della strade che adornano e che oggi  sono icone di George Town. Nel 2012, per il Festival di George Town, un giovane e famoso artista lituano, Ernest Zacharevic, è stato incaricato di dipingere alcuni murales a grandezza naturale.

Bambini sulla bicicletta – Ernest Zacharevic

Le opere dipinte dalla mano del giovane Ernest sono ispirate agli abitanti di Penang ed alla loro vita di tutti i giorni, catturando lo spirito vivace della città attraverso scene maliziose. Due dei più famosi e fotografati sono i ”Bambini sulla bicicletta” ed il dipinto di un ragazzo (prima foto di copertina) in sella ad una motocicletta dismessa. La maggior parte dei murales di Zacharevic sono ”interattivi”, cioe’ hanno componenti in cui l’arte interagisce con elementi reali. Senza dubbio, il suo lavoro è un’affascinante rappresentazione dell’arte che si fonde con l’ambiente.

Murales e caricature di ferro battuto lungo una via del centro

Mentre la più grande concentrazione di questi murales è intorno all’area delle vie cittadine Lebuh Armenia e di Lebuh Cannon, la popolarità della street art a Penang si è diffusa oltrepassando i confini del centro storico ed oggigiorno la si puo’ notare ovunque in città. Perdendovi tra le sue vie troverete pezzi di artisti come Natthapon Muankliang, Louise Low, Tang Yeok Khang, Reggie Lee, Tang Mun Kian, Julian Kam e Baba Chuah.

Murales

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *