Consigli pratici per organizzare un viaggio sull’isola di Bali

L’isola di Bali è una delle destinazioni più popolari dell’Indonesia, conosciuta soprattutto tra gli amanti del mare, del divertimento, dello yoga e dai backpackers grazie alle moltissime sistemazioni economiche. Bali offre veramente una moltitudine di attività per qualsiasi tipo di viaggiatore, dalle spiagge idilliache dove rilassarsi, ai trekking nella foresta o in mezzo a immense risaie, dalla visita dei templi ai corsi di meditazione e cucina locale. Insomma, questa magnifica isola diventerà presto una delle vostre mete preferite! Alcune aree di Bali sono state influenzate dal turismo occidentale dove spiccano bar alla moda, locali notturni e ristoranti di ogni genere, altre aree sono ancora piuttosto remote e mantengo le radici della cultura Balinese ancora intatte.

bali

Quando andare

Il clima di Bali è tropicale, perciò troverete caldo tutto l’anno. Il periodo migliore per visitare l’isola è durante i mesi della stagione secca da giugno ad settembre/ottobre quando le giornate sono soleggiate ed i livelli di umidità più bassi. L’unico aspetto negativo è che i prezzi sono maggiori e l’isola è veramente affollata di turisti. La stagione delle piogge, invece, va da novembre a marzo.

Come raggiungere Bali

L’aeroporto internazionale Ngurah Rai di Bali (Denpasar – DPS) è uno dei più trafficati di tutta l’Indonesia con oltre 20 milioni di passeggeri in transito ogni anno. E’ facilmente raggiungibile anche da moltissimi Paesi asiatici grazie alle diverse compagnie low-cost come Air Asia che offrono tariffe veramente economiche. Per esempio, abbiamo raggiunto Bali direttamente da Kuala Lumpur con un volo Air Asia pagato solamente 60 euro. Non ci sono voli diretti con l’Italia, ma è servito dalle maggiori compagnie del medio oriente come Turkish, Emirates e Qatar Airways. Si trovano voli anche con la Thai Airways e la Singapore Airline. L’aeroporto dista 13 km da Denpasar, città principale dell’isola, che è facilmente raggiungibile con 3 linee di autobus. Il modo più comodo e veloce per raggiungere la vostra destinazione è comunque il taxi, che troverete subito fuori dagli arrivi. Il costo medio per raggiungere Denpasar si aggira intorno alle 120/130.000 IDR (8 euro). In caso vogliate noleggiare un veicolo, troverete anche le maggiori compagnie di noleggio.


Trova i voli economici con Skyscanner

Visto d’ingresso

Per i soggiorni turistici inferiori a 30 giorni non c’è necessità di visto. Una volta giunti in aeroporto, al controllo di frontiera vi verrà apposto un timbro sul passaporto, che deve avere validità residua di almeno 6 mesi alla data di uscita dall’Indonesia. Controllate sempre i requisiti d’ingresso tramite gli organi ufficiali perché potrebbero cambiare in qualsiasi momento.

Come muoversi a Bali

I trasporti locali sono abbastanza economici. Il modo migliore per muoversi da una parte all’altra dell’isola sono i taxi (partono da 7000 IDR, poi 4000 IDR per km). Molti tassisti saranno restii ad usare il tassametro, perciò cercate di contrattare il costo della corsa prima di salire a bordo.

Altro mezzo di trasporto sono i Bluebird taxi (di colore azzurro e con un uccello blu sul tetto), che possono essere prenotati e pagati direttamente tramite una specifica Smart App – Blue Bird Taxi Indonesia -. In pratica, come la più famosa Uber. Ci sono anche altre due Smart App con cui prenotare i taxi privati: Grab e Gojek.

Un altro modo molto conveniente per visitare le attrazioni di Bali è noleggiare un’auto con autista tramite il vostro hotel o con una delle agenzie turistiche locali. Solitamente, il costo medio giornaliero si aggira sui 50/60 euro. In città, troverete anche diversi noleggi di bici e scooter. Fate però attenzione al traffico caotico delle maggiori località.



bali

Dove dormire a Bali

Bali è un paradiso per i backpackers perché offre una grande scelta di sistemazioni economiche che vanno dagli ostelli alle homestay ed alle guest house. Per chi non ha problemi di budget, ci sono anche hotel e resort di categoria superiore. Se si è un gruppo di amici, un’ottima scelta è anche affittare una villa e dividerne i costi. Si trovano anche ville addirittura con cuoco e autista personale. Noi ci affidiamo sempre a booking.com o ad Hostelworld.com.

  • Le aree dell’isola più popolari dove soggiornare

L’isola di Bali è abbastanza estesa e offre diverse località da esplorare o rilassarsi a seconda delle proprie esigenze. Tuttavia, le località più popolari non sono distanti l’una dall’altra.

1. Ubud

Ubud è il centro culturale di Bali, molto conosciuto per i suoi centri olistici dell’Ayurveda, centri dove praticare lo yoga, spettacoli culturali, negozi di artigianato, gallerie d’arte, caffè e ristoranti biologici. Ubud è la base perfetta per entrare in contatto con la cultura locale, visitare le verdissime risaie, andare alla scoperta dei numerosi templi, effettuare escursioni nella foresta o tentare la scalata del monte Batur. Noi abbiamo dormito al Anumana Hotel.

2. Canggu – Seminyak – Legian – Kuta

Queste quattro località si trovano sulla costa occidentale di Bali, a breve distanza da Denpasar e tutte vicine l’una all’altra. Qui troverete moltissime sistemazioni economiche e belle spiagge dove rilassarvi e praticare surf. Canggu è quella meno sviluppata e con una spiaggia più selvaggia, mentre Kuta, Legian e Seminyak sono molto popolari tra i surfisti e i giovani in cerca di divertimento grazie ai molti locali e club dove passare le serate e fare festa. La spiaggia di queste località è una delle più belle di tutta l’isola, una distesa infinita di sabbia dorata lunga ben 8 km. Noi abbiamo dormito a Seminyak al Grandmas Plus Hotel, ottima sistemazione a pochi minuti a piedi dalla spiaggia.

3. Sanur

Sanur si trova a circa 10 km da Denpasar, e si affaccia sulla costa sud di Bali. E’ una località più tranquilla e ideale per sfuggire alla folla infernale di Kuta e Seminyak. Sicuramente è una destinazione ideale per famiglie, coppie e persone in cerca di relax. La spiaggia è meno bella delle altre più famose località, ma la costa rimane più riparata dal vento e dalle forti correnti. Ha un lungomare lastricato di oltre 5 km con una bella pista ciclabile dove godersi una bella pedalata.

4. Uluwatu

Uluwatu si trova nella penisola di Bukit, sull’estrema punta sud di Bali. Questa località e’ caratterizzata da alte scogliere calcaree con insenature e piccole spiaggie. Uluwatu e’ il luogo maggiormente frequentato dai surfisti professionisti. Qui si trova anche il tempio Pura Luhur, uno dei sei templi principali e più importanti di Bali.  In questa zona troverete hotel e resort un poco più costosi costruiti direttamente sulla scogliera a picco sul mare da dove si gode di un panorama fantastico.

5. Nusa Dua

Nusa Dua si trova a sud di Denpasar, lungo il versante est della penisola di Bukit. E’ conosciuta per essere una zona esclusiva con resort e hotel a 5 stelle che si affacciano su spiagge di sabbia bianca. Nusa Dua e’ stata praticamente creata per il turismo occidentale ed e’ perfetta per coppie in luna di miele, famiglie con bambini e per tutti coloro in cerca di una vacanza a 5 stelle con tutti i comfort. 

bali

Cucina Balinese

Il cibo locale è  economico. Si passa da circa 15.000 IDR per lo street food a 30.000 IDR per una cena in uno dei tanti ristorantini.  I ristoranti turistici sono leggermente più costosi, ma sempre accessibili con una spesa media di circa 150.000 IDR (9 euro). 

La cucina Balinese ha influenze cinesi ed indiane, ed include l’uso di una varietà di spezie, mescolate con le verdure fresche, la carne e il pesce. I piatti tradizionali che vi consigliamo di provare sono il Satay (spedini di pollo, capra, manzo o maiale grigliati, marinati con spezie), il Babi Guling (maiale arrosto speziato), il Betutu (un pollo intero o un’anatra  che viene poi farcito con una complessa miscela di spezie che include scalogno, aglio, zenzero, peperoncino, arachidi e altro ancora), l’ Urab (un’insalata di verdure tra cui fagiolini, cavoli, spinaci e germogli di soia con condimento al cocco), Sambal Matah (una salsa piccante con aglio, peperoncini, scalogno e foglie di lime che solitamente accompagna diversi piatti) ed il Lalak (un dolce tradizionale balinese a base di farina di riso e latte di cocco).

Per gli amanti del cibo, è possibile partecipare anche a diversi corsi di cucina per imparare a cucinare i tipici piatti della tradizione Balinese.

Lingua locale

A Bali si parla indonesiano e dialetto locale, ma l’inglese è praticamente parlato ovunque.

Valuta locale e metodo di pagamento

La valuta locale è la Rupia indonesiana (IDR). 1 euro corrisponde a 17000 rupie. Potrete cambiare euro/dollari in aeroporto o nei negozi di cambio delle maggiori località turistiche. Uno dei migliori money changer e’ PT Dirgahayu. Evitate i cambia valuta non ufficiali e le varie bancarelle perche’ il rischio di essere truffati e’ abbastanza alto. Nelle principali città troverete anche decine di bancomat. La carta di credito è accettata nella maggior parte degli hotel e ristoranti anche se il metodo di pagamento preferito è in contanti.

Elettricità e prese

Il voltaggio standard è 230V con una frequenza di 50 mhz. Le prese sono di tipo C ed F, perciò servirà un adattatore universale.

Telefono e internet

Anche se troverete il wifi in tutte le sistemazioni e nella maggior parte dei ristoranti, comprare una sim card locale faciliterà il vostro soggiorno. In aeroporto troverete diversi stand ufficiali delle varie compagnie telefoniche. La compagnia che vi suggeriamo e’ la Telekomsel, che ha una delle migliori coperture in Indonesia. Abbiamo comprato una sim della Telekomsel (simPati tourist card) che comprendeva 10 Gb di traffico.

Sicurezza e salute del viaggiatore

Bali è, in generale, una destinazione sicura per qualsiasi tipo di viaggiatore. Fate solo attenzione ai piccoli furti soprattutto nelle maggiori località turistiche ed usate sempre il buon senso. Se noleggerete uno scooter prestate attenzione al traffico infernale nelle città principali. Quando visitate i templi, cercate sempre di rispettare le usanze locali e vestitevi in modo consono. Va comunque menzionato che, molti anni fa, Bali (Kuta) fu colpita da un violento attacco terroristico a danno dei turisti.

Per quanto riguarda la situazione sanitaria, l’isola di Bali non presenta particolari problematiche. Tuttavia, come in molti paesi tropicali, anche in Indonesia e Bali, c’è il rischio di contrarre la febbre dengue e la malaria, soprattutto durante la stagione delle piogge. È sempre più sicuro prendere misure per proteggersi dalle zanzare, soprattutto di notte, applicando un repellente per zanzare che contenga almeno il 30% di DEET. Uno dei problemi di salute più comuni sull’isola è il Bali Belly, spesso contratto tramite cibo e acqua contaminati. Evitate di bere l’acqua del rubinetto e assicuratevi che il cibo sia ben cotto prima di mangiare. Non ci sono vaccinazioni obbligatorie da fare, ma è sempre consigliato consultare un medico specializzato o la sezione della Asl – Medicina del Viaggiatore. Nel caso abbiate bisogno di cure mediche, tre delle migliori strutture ospedaliere sono i BIMC Hospital di Nusa Dua, Kuta e Ubud.

Ricordate sempre di stipulare un’assicurazione  perchè le spese mediche possono essere molto alte. Solitamente, ci affidiamo a Worldnomads.com che da la possibilità di stipulare una polizza assicurativa anche se si e’ già all’estero.

Importante: per maggiori informazioni sulla sicurezza e sulla situazione sanitaria consultate il sito ufficiale della Farnesinawww.viaggiaresicuri.it.

 

Quanto costa un viaggio a Bali?

Come per tutti i viaggi, non è mai facile fare una stima delle spese perchè dipende da molti fattori. La spesa varia sempre in base ai nostri standard, a dove vogliamo dormire, alle escursioni che vogliamo fare e a come decidiamo di muoverci. La cosa che vi suggeriamo per ammortizzare i costi è di non limitarvi alla sola visita di Bali, ma di inserire questa isola stupenda in un viaggio più lungo. Potete unire Bali alla visita dell’isola di Giava, oppure a Lombok e le isole Gili, o ancora al famoso Parco Nazionale di Komodo e all’isola di Flores.

Biglietto aereo: questa è sicuramente la spesa più consistente di tutto il viaggio. Il costo del volo per Bali si aggira intorno agli 800 euro. Se il volo per Bali risultasse troppo costoso e superiore agli 800 euro, potete provare con lo scalo a Bangkok per poi prendere Air Asia. Solitamente, il volo per Bangkok costa intorno ai 450 euro, mentre quello da Bangkok (Don Mueang) a Bali intorno ai 250 euro. Bangkok è una città ricca di attrazioni, perciò, potreste anche approfittarne per trascorrere nella capitale Thailandese un paio di giorni.

Hotel: le sistemazioni sono economiche, si trovano ottimi alloggi con una spesa media di 25 euro a notte in camera doppia. Se invece cercate qualcosa di più esclusivo, allora i costi a notte salgono decisamente.

Ristoranti: i ristorantini locali sono più economici di quelli che offrono cucina internazionali, comunque, tra un pranzo al volo e una cena completa, calcolate una spesa tra 15 e 20 euro.

Altre spese: la lista varia, per esempio,  tra ingressi ai siti, escursioni, mezzi di trasporto, attività come corsi di yoga, massaggi, lezioni di surf, immersioni, poi ancora serate nei bar-club, gli immancabili souvenir, assicurazione di viaggio.

Diciamo che, la spesa media per vacanza a Bali di una settimana senza farsi mancare nulla, costa circa intorno ai 1300 euro a testa. Se invece deciderete di dormire in qualche resort o hotel di prima fascia, la spesa aumenterà considerevolmente.

 

bali

Write A Comment