Guida alla visita del piccolo arcipelago delle isole Gili 

Le Gili sono un gruppo di 3 piccole isole a circa 1 ora di navigazione dalla costa est di Bali, e sono una delle mete turistiche più in voga dell’Indonesia. Le sue spiagge bianche, il colore turchese dell’oceano, la barriera corallina e la possibilità di fare immersioni, attirano ogni anno migliaia e migliaia di turisti. Delle 3, l’isola più grande è Gili Trawangan, gettonata soprattutto tra i più giovani grazie alla sua vivace vita notturna. Le altre due isole sono Gili Meno e Gili Air, adatte soprattutto a chi preferisce una vacanza più rilassante e tranquilla. Abbiamo trascorso in totale 5 giorni alle isole Gili (2 a Trawangan, 2 a Gili Meno e 1 a Gili Air) rilassandoci sulle loro belle spiagge e facendo alcune escursioni in barca. Personalmente non ci hanno colpito più di tanto, ma se siete a Bali o Lombok, vale comunque la pena fare una tappa di almeno un paio di giorni in questo piccolo arcipelago.

Isole Gili

Quando andare

Il periodo migliore per visitare le isole Gili va da Maggio a Ottobre, durante la stagione secca. I mesi di luglio e agosto sono quelli che registrano il maggior afflusso di turisti. La stagione delle piogge non è consigliata perché le escursioni in barca potrebbero essere cancellate, l’acqua è decisamente più torbida e potreste avere anche difficoltà a muovervi tra le varie isole.

Come raggiungere le Isole Gili

Le isole Gili possono essere facilmente raggiunte con un motoscafo veloce sia da Bali che da Lombok.

Dall’isola di Bali, i porti di partenza sono 3: Amed, che si trova a est dell’isola; Padangbai, che è il porto più utilizzato ed è situato in posizione centrale, facilmente raggiungibile da Ubud; Serangan, il più distante dalle Gili e posizionato nella parte sud di Bali. Noi abbiamo preso il motoscafo da Padangbai e la traversata è durata più di due ore anche a causa del mare che nello stretto di Lombok è molto spesso abbastanza mosso. Diciamo che non è stato cosi’ piacevole, perciò, se soffrite di mal di mare, organizzatevi con una pastiglia.

Percorso alternativo: in caso vogliate evitare questo tratto di mare, o le traversate siano sospese, potete prendere un volo da Denpasar a Lombok Praya, e da qui raggiungere il porto di Bangasal con un taxi.

Dall’Isola di Lombok la traversata è decisamente più breve (circa 25 minuti) ed è possibile prendere un motoscafo veloce o una barca pubblica. Il porto principale è Bangasal, dove troverete entrambe le biglietterie per comprare la vostra traversata in barca. La barca pubblica, a differenza del motoscafo veloce, non ha orario e parte quando è piena.

Come raggiungere la vostra sistemazione: sulle isole non ci sono trasporti pubblici o a motore, e l’unico mezzo che per muoversi è il cidomo, un carretto trainato solitamente da cavalli. Ne troverete diversi non appena sbarcati.

Come prenotare il biglietto

Potete prenotare il vostro biglietto in una qualsiasi agenzia turistica di Bali. Solitamente, è anche incluso il trasporto in minivan al porto. In alternativa, potete anche prenotare il biglietto tramite il sito web 12go.Asia.com, uno dei siti migliori per muoversi nei Paesi asiatici, o direttamente sul sito web delle compagnie. Tra le varie opzioni, noi abbiamo optato per la Bluewater Express, consigliataci come una delle migliori fast boat per standard di sicurezza. L’unica compagnia che ha un’imbarcazione più grande è la Eka Jaya Fast Boat, probabilmente più adatta a chi soffre di mal di mare.

Powered by 12Go system

 

 

Quale Gili scegliere

1. Gili Trawangan

E’ l’isola più grande delle 3 (larga 2 km e lunga 3 km) e quella maggiormente frequentata da ragazzi in cerca di divertimento, grazie ai diversi locali dove trascorrere una piacevole serata ascoltando musica e bevendo un drink. Il centro del piccolo villaggio di Trawangan è piuttosto vivo: negozietti che vendono un po’ di tutto, bar, ristoranti e diversi centri benessere per fare massaggi. Non perdetevi un drink al Paradise Sunset Bar mentre vi godete lo splendido tramonto! Noi abbiamo dormito al Santorini Beach Resort.

2. Gili Meno

E’ l’isola più piccola e più tranquilla delle tre, misura appena 2km di lunghezza per 1km di larghezza. E’ adatta a chi vuole esclusivamente rilassarsi evitando la folla di giovani festaioli. La sue spiagge di sabbia bianca e pezzi di corallo sono decisamente belle e bagnate da un mare cristallino. La maggior parte dei ristorantini e delle strutture si trovano nella parte settentrionale e orientale dell’isola. Noi abbiamo dormito al Seri Resort, sulla costa nord est. Discreta cena con pesce grigliato allo Ana Warung.

3. Gili Air 

Questa isola è una mix perfetto tra la caotica Trawangan e la tranquilla Gili Meno. Troverete diverse sistemazioni e una quantità di bar e ristoranti per turisti che tappezzano l’intero perimetro dell’isola. Come le altre due isole, anche Gili Air offre spiagge bianche con un mare limpido e diversi siti di immersione. Il suo lato occidentale e quello settentrionale sono i più selvaggi e tranquilli, con belle spiagge incontaminate e poco altro, mentre il lato sud-orientale è quello più popolato. Non perdetevi una birra ghiacciata o un’ottima cena al Mowie’s Bar sulla costa sud-occidentale dell’isola, da dove godrete di uno splendido tramonto. Noi abbiamo dormito al Koho Air Hotel, non distante dal molo dove arrivano i motoscafi veloci.

Isole Gili

Escursioni e attività alle isole Gili

Partiamo dal fatto che queste isole sono piccole, perciò, in generale offrono molto poco. Oltre a rilassarvi sulle loro belle spiagge, l’attività principale sono le escursioni in barca per fare snorkeling o immersioni e vedere la barriera corallina e la grande biodiversità marina della zona. Tutte le isole hanno dei siti di immersione sia per principianti che per subacquei più esperti. Per esempio, a Gili Meno si trova il Bounty Point, un relitto circondato da coralli variopinti, ed il Meno Wall, una spettacolare sezione di barriera corallina che da 5 metri scende fino a 30 metri, ricca di pesci, coloratissimi anemoni e dove spesso si incontrano le tartarughe marine. Sempre a Gili Meno c’è un punto chiamato “turtle point” dove è abbastanza facile incontrare le tartarughe marine facendo snorkeling. Se alloggerete a Gili Meno, non perdetevi il “Santuario delle Tartarughe marine”, una struttura dove vengono accuditi i piccoli di tartaruga per poi essere rilasciati in natura. Altre attività praticate sono le escursioni in bicicletta (potete noleggiarle) o le passeggiate lungo il perimetro delle isole.

Prenotazioni: le escursioni in barca sono facilmente prenotabile tramite uno dei molti stand presenti sulle isole. Per chi fosse interessato, troverete diverse scuole di diving che organizzano escursioni e corsi di immersione.

Maree: le maree sono un fenomeno che interessa le isole Gili in alcuni periodi dell’anno, specialmente nei mesi di luglio e agosto. Perciò, tenete presente che in alcuni momenti della giornata sarà particolarmente difficoltoso fare il bagno. Vi suggeriamo di portarvi un paio di scarpe da scoglio per ogni evenienza.

La nostra escursione in barca: non essendo pratici di immersioni con le bombole, abbiamo optato per una classica escursione con maschera e boccaglio. Siamo partiti alle 10 del mattino con ritorno verso le 16. Abbiamo effettuato in tutto 4 soste per fare snorkeling tra Trawangan, Meno e Air, più la sosta su Gili Air per pranzo (non incluso). Il costo dell’escursione è stato 200.000 rupie a testa. L’immersione più interessante è stata a Gili Meno in un punto sulla costa nord-est conosciuto per la presenza di tartarughe marine. Fate molta attenzione perché la corrente era veramente forte e non è stato semplice nuotare. Durante il soggiorno a Gili Meno abbiamo anche noleggiato un’imbarcazione per farci portare al famoso sito conosciuto come “Nest”, un’opera d’arte contemporanea sommersa composta da 48 figure a grandezza naturale. Queste sculture sono state realizzate in cemento a PH neutro con lo scopo che con il passare del tempo si trasformino in una casa per coralli, spugne e altre forme di vita marina. Le statue possono essere anche raggiunte a nuoto dalla spiaggia ovest di Meno.

Considerazioni: non siamo rimasti particolarmente colpiti da questa escursione perché la barriera corallina vicino alla riva è stata praticamente rovinata dalle moltissime imbarcazioni turistiche. Anche allontanandosi più al largo, la situazione cambia di poco. Probabilmente, il modo migliore per godersi la barriera corallina è fare immersioni con le bombole organizzate dai centri di diving.

Metodo di pagamento e bancomat

Il metodo di pagamento è prevalentemente in contanti. Sulle isole troverete alcuni bancomat e dei cambia valuta (soprattutto a Trawangan). E’ sempre meglio avere del contante e non affidarsi solamente ai prelievi perché potrebbe capitare che nel periodo di maggior afflusso turistico i bancomat potrebbero rimanere a corto di valuta.

Sicurezza del viaggiatore

Non ci sono particolari problemi per la sicurezza, fate semplicemente attenzione a non lasciare incustoditi i vostri oggetti di valore. Potrebbe capitare che a Trawangan vi venga offerta della droga, soprattutto durante i vari party serali. Evitate di cacciarvi nei guai perché la legge in Indonesia è molto severa. Ricordatevi che la piccola comunità di pescatori che vive sulle isole è di religione musulmana. Rispettate sempre la cultura locale. Ricordate che le condizioni di sicurezza cambiano ogni giorno in tutto il mondo; fate sempre le vostre ricerche attraverso i siti web ufficiali ed informatevi prima di partire. Registratevi sul sito ufficiale Dovesiamonelmondo.it e consultate il sito della Farnesina – viaggiaresicuri.it.

Non dimenticate di acquistare un’assicurazione di viaggio che copra da eventuali infortuni (le spese mediche negli Stati Uniti sono molto elevate), malattia e furto. Noi, per esempio, ci affidiamo spesso a Worldnomad.com, una compagnia di assicurazioni con un servizio clienti qualificato e prezzi competitivi che può essere stipulata anche quando si è già partiti. E’ sempre consigliato consultare un medico specializzato o la sezione della Asl – Medicina del Viaggiatore per valutare i rischi sanitari e prendere le dovute cautele.

 

Isole Gili

Isole Gili

Write A Comment