Al giorno d’oggi, gli Emirati Arabi Uniti sono una delle destinazioni più popolari per i turisti che cercano un’esperienza sensazionale. Le persone si recano a visitare gli questo paese per varie ragioni quali  l‘architettura futuristica, il lusso estremo, la possibilità di sciare nel “bel mezzo del deserto” o praticare varie attività sportive, fare shopping nei più grandi centri commerciali del mondo e cosi via. Di solito, quando parliamo di Emirati Arabi, pensiamo subito alla ricchezza dei due luoghi più popolari, Dubai e Abu Dhabi, però nel paese sono presenti altri 5 emirati, (gli Emirati Arabi Uniti sono composti da 7 Emirati), dove il lusso e la modernità non sono così evidenti mentre le tradizioni culturali sono più visibili.

View of Fujairah city, U.A.E.
View of Fujairah city, U.A.E.

Durante il nostro viaggio decidiamo di dirigerci verso l’emirato di Fujairah per visitare un luogo religioso davvero interessante: la Moschea di Al Badiyah. Dopo aver guidato lungo la strada Fujairah-Dibba, a metà strada tra i popolari punti turistici della costa orientale di Khor Fakkan e Al Aqah, arriviamo alla moschea. Al Badiyah è stata costruita in un piccolo villaggio sulla costa rocciosa di Fujairah ed è il  luogo di culto più antico del paese.

Village near Al Badiya mosque
Village near Al Badiya mosque

Conosciuta anche come Moschea Ottomana, questa piccola struttura quadrata ha una superficie di 53 metri quadrati e, per la sua realizzazione, sono stati utilizzati materiali disponibili nella zona: principalmente pietre di varie dimensioni e mattoni di fango rivestiti da molti strati di intonaco imbiancato. La moschea ha una struttura particolare e la sua caratteristica sorprendente è il tetto che è  stato realizzato con quattro cupole appoggiate su un solo pilastro senza barre di legno o ferro e non ha alcun minareto. Tutto ciò è molto particolare e nessuno sa con esattezza quando è stata costruita la moschea. Una team australiano,  usando la datazione al carbonio, ha datato il luogo sacro intorno all’anno 1446 d.C.; ciò nonostante le informazioni esatte circa la costruzione della moschea e la sua piccola comunità, rimangono in gran parte sconosciute. L’unica altra prova storica su cui gli studiosi hanno potuto fare affidamento sono alcune torri di un forte portoghese costruito proprio dietro la moschea più di 200 anni fa e dove è possibile avere una fantastica vista dell’area.

Al Badiyyah Mosque
Al Badiyyah Mosque
portuguese fort
Portuguese fort, built behind the mosque

Incontriamo l’Imam Hafiz che ci invita a visitare la piccola moschea di fango ed una volta all’interno della struttura ci rendiamo conto del suo fascino: porte in legno a doppia ala e diverse piccole finestre decorative oltre a degli spazi a forma di cubo, intagliati nel muro, dove vengono conservate vecchie copie del Sacro Corano e altri libri.

Al Badiyah mosque
Interior of the mosque

La moschea ha anche un piccolo Mihrab, la nicchia che serve ad indicare la qibla, cioè la direzione della Mecca verso la quale deve esser rivolto il viso da chi compie la preghiera rituale, e anche un Minbar, il pulpito da dove L’Imam parla ai suoi fedeli. Se ti trovi negli Emirati Arabi, non dimenticare questa visita nell’emirato di Fujairah, non rimarrari deluso!

Fujairah road
Driving along the Fujairah-Dibba road

Informazioni

Come raggiungere Al Badiyah:  Il modo migliore è sicuramente l’auto. Il luogo si trova a circa 40 km da Fujairah percorrendo la E99. Sulla via del ritorno ci si può fermare a Kor Fakkan, dove si trova una delle passeggiate più famose di questa zona oltre ad alcune belle spiagge. Con il taxi potrebbe risultare costoso anche contrattando sulla tariffa (circa 130 AED andata/ritorno) mentre in autobus la spesa per il biglietto è di circa 12 AED (la fermata si trova accanto al Lulu Hypermarket presso il centro Commerciale  Lulu). Da Dubai è possibile raggiungere Fujairah senza alcun problema con il bus RTA per 25 AED.

Write A Comment