img 0887 copia 3

Oggi siamo molto emozionati poichè ci apprestiamo a visitare uno dei luoghi più remoti della Terra: Dallol. Dopo aver attraversato con le nostre 4×4 la vasta piana del sale fermandoci di tanto in tanto a scattare qualche foto, arriviamo all’inizio della camminata che porta a Dallol.

piana del sale

Finalmente dopo averla ammirata moltissime volte nei molti scatti presenti sul web, ci siamo! Inizia la nostra escursione in questo luogo incredibile. Passando attraverso diversi paesaggi formati dall’attività vulcanica arriviamo alla piccola collina sul bordo delle sorgenti. Qui è mozzafiato, uno dei posti più affascinanti che abbia mai visto. Davanti a noi una vista spettacolare: fumarole e sorgenti calde colorate, bolle d’acqua sotterranee che lasciano dietro di loro minerali colorati che formano strutture sorprendenti. Dallol è 116 metri sotto il livello del mare, uno dei posti più bassi e più caldi del mondo. Camminiamo nel mezzo delle sorgenti per 1 ora, poi, a causa della temperatura davvero alta e delle esalazioni che stiamo respirando, dobbiamo lasciare questo posto magico.

Dallol

Una volta in macchina ripartiamo per dirigerci vicino alle sorgenti di dallol dove è possibile visitare un’area con delle ” colonne di sale ”. Camminare attraverso queste vecchissime formazioni saline con forme stranissime e uniche è davvero qualcosa di speciale.

Colonne di sale

Nel pomeriggio visitiamo un’altra sorgente sulfurea ed in particolare il Lago Asale, una salina dove incontriamo i lavoratori che estraggono il sale ed i mercanti che lo caricano sui cammelli e lo trasportano per essere lavorato e poi venduto. Avvicinati  i lavoratori  della tribu’ Afar, unica popolazione in grado di vivere e lavorare in questa terra arida ed inospitale, rimaniamo in silenzio a osservare come viene estratto il sale: inizialmente viene tagliato usando una pala poi viene utilizzato un grosso bastone di legno per togliere la lastra di sale che successivamente viene caricata sulle carovane di cammelli.

Salt workers, Dallol
Salt workers, Dallol
Camel caravan, Dallol
Camel caravan, Dallol

Sulla via del ritorno ad Hamad Ela incontriamo molte carovane di cammelli alla cui testa ci sono gli Afar, incredibili  persone che, senza paura, sfidano uno dei luoghi più inospitali e invivibili sulla Terra. L’escursione è finita ma siamo davvero soddisfatti per aver visto questa terra ancora “ferma nel tempo”, dove sicuramente un giorno, cammelli e vecchi attrezzi faranno spazio alla modernità dei camion ed alla tecnologia.

Dallol
Sorgente sulfurea

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *