Cosa Fare e vedere a Phnom Pehn

Phnom Penh è grande una caotica città che si estende lungo le rive del fiume Mekong dove moderni centri commerciali e nuove costruzioni si stanno piano piano moltiplicando e sostituendo alla mancanza di infrastrutture. Nonostante ciò, la capitale della Cambogia merita assolutamente una visita per andare alla scoperta delle tristi testimonianze di una delle più grandi tragedie del XX secolo che segnò indelebilmente la storia recente di questo Paese. Verso la fine degli anni ’70, per mano del violento e sanguinario dittatore comunista Pol Pot, venne uccisa 1/4 della popolazione cambogiana e quasi 2 milioni di persone morirono nei campi di sterminio o nei campi coltivati dove erano costrette a lavorare come agricoltori. Luoghi storici a parte, Phnom Penh vanta anche alcune interessanti attrazioni come il Palazzo Reale ed offre un bellissimo spaccato di vita locale con i suoi coloratissimi mercati dove verrete in contatto con i suoi ospitali abitanti. 

La nostra Top 10

 

1. Campi di sterminio di Choeung Ek

Il sito è collocato nel distretto di Dankoar (Sangkat Cheung Aek),  a circa 15 km dal centro di Phnom Penh. Questo luogo è tristemente noto poichè dal 1975 al 1979 fu utilizzato per dal violento Regime dei Khmer Rossi per uccidere e seppellire decine di migliaia di Cambogiani.  Camminando lungo il sentiero si incontrano una serie di fosse comuni contenenti i corpi delle vittime e teche di vetro con indumenti, teschi e ossa. Vicino all’ingresso c’è un grande Stupa commemorativo riempito con i teschi di centinaia di persone. Biglietto d’ingresso: 6 USD (con audio guida). Il campo di sterminio di Choeung Ek è aperto tutti i giorni dalle 7:00 alle 17:30

Choeung Ek
I campi di sterminio di Choeung Ek

2. Museo del genocidio Toul Sleng (S-21)

 Situato lungo la  Street 133, questo complesso di edifici è conosciuto anche come S-21. Si tratta di una scuola superiore, oggi adibita a museo, che durante il regime di Pol Pot, venne trasformata dai Khmer Rossi in una prigione e centro di torture dove sono state imprigionate più di 17.000 persone. L’interessante visita consiste in 4 edifici dove è possibile vedere le camere degli interrogatori con i loro originali oggetti di tortura, singole celle, celle di detenzione di massa e una serie di immagini commoventi di tutte le persone imprigionate all’interno della  S-21. Il Museo è aperto tutti i giorni dalle 7 alle 17.30. Il costo del biglietto è di 3 USD (6 USD con audio guida). 

Tuol Sleng Genocide Museum
Il Museo del Genocidio di Tuol Sleng

3. Monumento all’Indipendenza

Il Monumento all’Indipendenza si trova nel cuore della città, tra Norodom e Sihanouk Boulevard. Fu inaugurato nel 1962 dopo che la Cambogia riprese la propria indipendenza dal Protettorato Francese. Il monumento è sede di celebrazioni e servizi in importanti festività pubbliche come il Giorno dell’Indipendenza e il Giorno della Costituzione. Ad est del monumento, lungo Sihanouk Blv, si trova uno dei parchi pubblici più famosi di Phnom Penh che con le sue fontane è il luogo più gettonato della città per fare i servizi fotografici matrimoniali. Il Parco vanta anche un grande monumento dedicato al Re Norodok Sihanouk.

Indipendence monument, Phnom Penh
Il Monumento all’Indipendenza di Phnom Penh

4. Palazzo Reale e la Pagoda d’Argento

Situato lungo Sothearos Boulevard tra la 240 e la 184 street, il bellissimo complesso del Palazzo Reale con i suoi giardini e pagode decorate è sicuramente una delle attrazioni più belle di Phnom Penh. Nella parte sud del complesso, si può ammirare anche la Wat Preah Keo Morakot, conosciuta come la Pagoda d’Argento, che prende il nome dal pavimento coperto con più di 5000 piastrelle d’argento. Biglietto d’ingresso per l’intero complesso: 25.000 R (circa 7 USD). È aperto tutti i giorni, dalle 8 alle 17. Di fronte al Palazzo Reale, si trovano gli edifici governativi della Suprema Corte ed il Ministero della Giustizia.

Il complesso del Palazzo Reale di Phnom Penh

5. Museo Nazionale

Il Museo Nazionale è situato nella parte centrale della città sulla 13 Street, vicino al Palazzo Reale, ospita migliaia di oggetti e testimonianze della storia del Paese. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 8 alle 17 e l’ingresso costa 5 USD. Le visite guidate possono essere organizzate per 3 $ (di solito tour di gruppo).

6. Wat Phnom 

Il Wat Phnom è’ un tempio buddista situato lungo Preah Norodom Blvd,  e sorge sulla cima di una piccola collina coperta di alberi ed alta circa 27 metri. Secondo la leggenda, la prima pagoda su questo sito fu eretta nel 1373 per ospitare quattro statue del Buddha depositate qui dalle acque del Mekong e trovate da una anziana vedova facoltosa di nome Doun Penh, che viveva vicino alla collina. Divenne cosi’ un sito sacro dove monaci e persone si recavano per essere benedette e per pregare. L’ingresso principale del Wat Phnom è attraverso la grande scalinata orientale, che è sorvegliata da due statue di leoni e serpenti Naga. Alla base della collina, sul lato nord-ovest del complesso, è anche possibile visitare un piccolo museo che ospita alcune statue e manufatti antichi. Biglietto d’ingresso: 1 USD; Orario: 7 – 18.30. Museo 2 USD; Orario: dalle 7 alle 18.

l'ingresso del Wat Phnom
l’ingresso del Wat Phnom

7. Monastero Wat Ounalom

Situato nelle vicinanze del Palazzo Reale, il Wat Ounalom è una delle pagode più significative del Paese e soprattutto il centro del buddismo cambogiano. La pagoda si sviluppa su tre piani e ha una collezione molto interessante di bellissimi dipinti e reliquie culturali che fanno luce sulla vita del Buddha. Il Patriarca del buddismo cambogiano ed altri importanti monaci vivono all’interno di questo complesso. Ospitava anche l’Istituto Bouddhique e la biblioteca che furono purtroppo distrutte dai Khmer Rossi. Il Wat è aperto tutti i giorni dalle 6 alle 18 e l’ingresso è gratuito.

8. Phsar Thmey (Mercato centrale)

E’ un vivace e coloratissimo mercato che si svolge all’interno di una costruzione progettata da alcuni architetti Francesi ed è uno dei più grandi dell’Asia. E’ situato sulla Street 130 in pieno centro ed è aperto tutti i giorni dalle 6 alle 18. Per gli amanti della fotografia e degli spaccati di vita locale è sicuramente un’attrazione da non perdere. Qui si trovano bancarelle e negozietti che vendono qualsiasi tipo di prodotto, dalla carne al pesce fresco, dalla frutta alle verdure, fiori, vestiti, gioielli e molti altre merci. E’ anche il posto giusto per assaggiare tipici piatti locali perchè è circondato da bancarelle che cucinano delizioso street food. Il miglior momento per visitare il mercato è al mattino presto, quando è nel pieno della sua attività e decisamente più caratteristico.

Bancarella di pesce fresco al Mercato
Bancarella di pesce fresco al Mercato Centrale

9. Phsar Tuol Tom Pong (Mercato Russo)

Il Phsar Tuol Tom Pong, meglio conosciuto come “Mercato Russo“, è un mercato molto popolare situato lungo la Street 155 (tra Monivong e Mao Tse Tung Boulevard), non molto lontano dal Museo del Genocidio di Tuol Sleng. Come il mercato centrale è ricco di bancarelle di ogni genere, ma la sua particolarità è che qui è possibile trovare capi  originali di marca fatti nelle fabbriche locali e venduti per pochi dollari. Il mercato è aperto dalle 6 alle 17.

Bancarelle di frutta e verdura al Mercato Russo
Bancarelle di frutta e verdura al Mercato Russo

10. Cambodian Living Arts 

La Cambogia Living Arts è un’organizzazione senza scopo di lucro dove potrete ammirare un’interessante spettacolo con danze tipiche delle diverse regioni del Paese, rappresentazioni di battaglie, personaggi mitologici e molto altro ancora. E’ situata all’angolo tra la 178 street e la 13 street. Biglietto d’ingresso: 15 – 30 USD. Giorni e orari: lunedì, mercoledì e fine settimana dalle 19:00. Cliccate qui per maggiori informazioni e prenotazioni.

 

Informazioni e consigli utili 

Una parte delle attrazioni sono visitabili con una bella passeggiata, altre facilmente raggiungibili con un tuk-tuk che troverete ad ogni angolo. Partendo di buon mattino (verso le 7.30), riuscirete a visitare le maggiori attrazioni, ma sarebbe meglio fare il tour con calma e dividere la visita in un giornata e mezza come abbiamo fatto noi. Phnom Penh è veramente caotica e muoversi con i tuk-tuk (o taxi) necessita di tempo a causa dell’intenso traffico. Se invece desiderate prenotare un tour privato o visite guidate specifiche, vi consigliamo di utilizzare le piattaforme web Viator.comGetYourGuide.com o Klook.com dove gli operatori turistici locali pubblicizzano le loro attività ed escursioni a Phnom Penh.

Il nostro itinerario a Phnom Penh: il primo giorno abbiamo raggiunto Phnom Penh in arrivo da Kratie verso le 13. Abbiamo dedicato il pomeriggio alla visita dei campi di stermino e verso sera abbiamo fatto una bella passeggiata sul lungofiume fermandoci a cena. Il giorno dopo, sveglia alle 6 del mattino per fare la visita del mercato centrale. Verso le 8.30, con una bella passeggiata, abbiamo raggiungo il Monumento dell’Indipendenza, attraversato il bellissimo parco, poi ancora il parco Botum Pagoda fino a raggiungere il Palazzo Reale. Terminata la visita,  abbiamo fatto una breve tappa al Museo Nazionale e poi, con un tuk-tuk, ci siamo recati al Wat Phnom. da qui, sempre con un tuk-tuk siamo andati al Museo del Genocidio ed abbiamo terminato la giornata con il Mercato Russo. Cliccate qui per vedere il nostro percorso.

Itinerario consigliato di 1 giorno: se avete a disposizione una sola giornata, concentratevi esclusivamente sulle attrazioni principali che sono i luoghi legati alla triste storia recente del Paese. Se vi sentite in forma e siete propensi a svegliarvi di buon mattino, vi consigliamo la tappa al mercato centrale. In caso contrario, verso le 8 del mattino prendete un tuk-tuk e andate direttamente ai Campi di Stermino. Tra corsa in tuk-tuk e visita ci si impiega almeno un paio di ore abbondanti. Tornate in centro a Phnom Penh e andate al Museo del Genocidio. Terminata la visita di queste due attrazioni, che sono le più importanti della Città, prendete un tuk-tuk e recatevi al Palazzo Reale e da qui al Wat Phnom. A seconda del tempo che rimarrà a vostra disposizione, potrete aggiungere le altre visite interessati e farvi una bella camminata nei parchi di Phnom Penh.

 

Write A Comment