Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è uno dei luoghi più famosi in Italia e nel 1997 l’UNESCO ha inserito le Cinque Terre nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità come “paesaggio culturale”. Situato  lungo la costa rocciosa della Liguria, questo parco affascinante ed incontaminato offre una rete di sentieri che uniscono diversi villaggi molto belli e caratteristici, costruiti nel classico stile ligure. Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso sono senza dubbio un tesoro del patrimonio italiano. Sono nato a pochi chilometri dalle Cinque terre e ho la fortuna di poter trascorrere qui un po’ di tempo tutte le volte che torno a casa. Ho girato molti paesi al mondo,  apprezzato e vissuto le diverse culture e tradizioni, ma devo ammettere che le Cinque terre sono uniche nel loro genere e vale veramente la pena trascorrere qui anche una sola giornata.

Il mio viaggio comincia da Riomaggiore, situato tra due ripide colline che scendono  a picco sul il mare. Lasciando la stazione ferroviaria, percorro il sottopassaggio ferroviario diretto al centro città ed una volta sbucato dall’altra parte mi dirigo immediatamente verso il mare per godermi il fantastico panorama. È mattina presto, in giro non c’è ancora nessuno e camminare tra questi stretti vicoli, circondato da queste tipiche case colorate a strapiombo sul mare è sempre affascinante.

Arrivato al piccolo porto, seguo i gradini sul lato sinistro della scogliera da dove si gode una vista mozzafiato sul piccolo paesino e le sue case colorate. Proseguendo su questo percorso, ci sono dei gradini sul lato destro che scendono sulla scogliera e da cui si ha una perfetta visuale sul borgo (prima fotografia) Sul lato sinistro il sentiero continua lungocosta, passa davanti al molo da dove si prende il battello turistico per La spezia o gli altri borghi ed arriva alla spiaggia del paese.

Tornato indietro, percorro la via centrale ( via Colombo ) con i suoi alti edifici colorati con appesi alle finestre i panni ad asciugare ed arrivo alla chiesa di Santa Maria Assunta, poi seguendo l’indicazione per la chiesa di San Giovanni Battista proseguo per   il Municipio di Riomaggiore ed arrivo ad un sentiero che costeggia  la scogliera, dove posso godermi la vista sul mare e raggiungere nuovamente la stazione ferroviaria. Sul lato destro della stazione, è possibile vedere il cartello per la “Via dell’amore” (la prima parte del percorso blu), un percorso costiero molto famoso, ma al momento chiuso a causa di lavori di ristrutturazione.

Write A Comment